www.bricks.enea.it - bricks.project@enea.it
DOVE SEI: Home ╗ News ╗ Osservatorio: Toscana, Emilia Romagna, Puglia, Progetto Build Upon
Osservatorio: Toscana, Emilia Romagna, Puglia, Progetto Build Upon

Newsletter BRICKSinforma - Luglio 2016

15/07/2016 | bricks


Regione toscana: risparmio energetico e fonti di energia rinnovabile =  priorità 1

 

L’attenzione all’innovazione energetica e ambientale e alla sostenibilità edilizia, sono una priorità strategica della Regione Toscana che nei principali strumenti di programmazione quali il  PRS e il PAER (Piano Ambientale Energetico Regionale) ha indicato  come priorità n. 1 lo sviluppo di azioni finalizzate all’Efficienza Energetica e alle Fonti di Energia Rinnovabile.

Nel POR FSER 2014-2020 si prevede, infatti,  in attuazione dell’Asse 4 del PAER “Sostenere la transizione verso un’economia a bassa emissione di carbonio in tutti i settori”, tra le priorità di investimento azioni di efficienza energetica e l'uso dell'energia rinnovabile nelle imprese,  nonché l'uso dell'energia rinnovabile nelle infrastrutture pubbliche, compresi gli edifici pubblici, e nel settore dell'edilizia abitativa.

Con la DGR n. 449 del 07-04-2015  “Indirizzi relativi alla formazione professionale” la Toscana ha inoltre definito tra le priorità strategiche per la programmazione della formazione professionale le tematiche relative al Risparmio Energetico e le Energie Rinnovabili.

A queste linee programmatiche sono associati una serie di strumenti finanziari, quali il POR FSE 2014-2020,  per la formazione e la riqualificazione del personale impegnato nel settore edile e del risparmio energetico.

 

In questa logica e con lo stesso intento la Regione Toscana, partner associato del progetto BRICKS, sta portando a conclusione la procedura di recepimento dei primi risultati raggiunti con l’aggiornamento e la revisione delle figure professionali del Repertorio Regionale delle Figure Professionali  del settore edile ed impiantistico.

Grazie ad un’analisi comparata tra quanto indicato dal contesto istituzionale-normativo ed ai contributi dei partner toscani del Progetto BRICKS (ITS Energia e Ambiente, Lucense e l’Ente Senese Scuola Edile) è stato effettuato un intervento di revisione delle figure professionali del settore impiantistico e edile, utile ad una migliore definizione dei requisiti e degli standard qualitativi richiesti per lo svolgimento di specifiche attività professionali.

Con la revisione delle figure professionali del settore impiantistico e edile, si intende dunque rispondere all’esigenza di allineare le caratteristiche di competenza di queste figure, in riferimento alle esigenze del mercato del lavoro e del riconoscimento delle competenze in ambiti professionali di certificazione.

Le prime figure oggetto di revisione sono

ü  Addetto alla realizzazione di opere murarie, che verrà aggiornata ed integrata con competenze relative alla realizzazione del sistema di isolamento termico a cappotto

Dall’analisi delle figure presenti nel repertorio si ritiene inoltre proporre l’aggiornamento di alcune figure operanti nel settore degli impianti termoidraulicie in quello degliimpianti elettrici, ovvero:

ü  Tecnico della programmazione, assemblaggio e messa a punto di impianti termoidraulici

ü  Tecnico della realizzazione di impianti elettrici

ü  Addetto alla preparazione, installazione, manutenzione e controllo degli impianti elettrici

ü  Addetto alla preparazione, installazione, manutenzione e controllo degli impianti termo-idraulici

 

Per queste figure l’adeguamento fa riferimento, oltre al lavoro realizzato nell’ambito del progetto BRICKS, anche a quanto definito dalle nuove normative definite dalla Conferenza stato Regioni del 14/06/2014, per la realizzazione dei corsi specifici per l’installatori di impianti alimentati da FER (Fonti di Energie Rinnovabili) che riguardano specificatamente gli installatori di:

ü  Impianti a biomasse per usi energetici

ü  Pompe di calore per riscaldamento, refrigerazione, produzione ACS

ü  Sistemi solari termici

ü  Sistemi fotovoltaici e fototermoelettrici

Nell’intento di dare ancora più ampie opportunità di qualificazione agli operatori del settore la Regione Toscana recepirà ulteriori revisioni o nuove figure professionali e metterà a disposizione nei prossimi mesi risorse per la formazione e la qualificazione del personale.

 

 

Regione Emilia Romagna: approfondimenti sulle schedature delle figure professionali

 

Il lavoro in partnership con la Regione Emilia Romagna (di seguito RER) e anche con altre Regioni operative nel settore, ha avuto negli ultimi mesi dell’avanzamento del Progetto una forte accelerazione dovuta alla volontà della Regione di migliorare e in alcuni casi incrementare le figure presenti nel proprio catalogo regionale.

Le figure professionali in discussione sono 3 già presenti sia nel Catalogo regionale RER, sia tra le figure su cui BRICKS sta lavorando e in alcuni casi ha oramai ultimato.

Le figure sono:

 

ü  Auditor Energetico;

ü  Installatore di Impianti Geotermici;

ü  Tecnico specializzato in Building Automation.

 

Queste figure professionali, che potremo chiamare “condivise” sono in corso di revisione in Regione proprio in funzione della accuratezza e completezza del metodo di schedatura professionale introdotto da BRICKS, che è stato trovato molto interessante dai responsabili regionali che partecipano ad una attività volta ad uniformare le Schede regionali; pur se queste ultime non possono in questa fase essere modificate nella struttura, derivante da regolamentazione interna, è possibile accogliere i contenuti molto più specifici previsti dalla schedatura  di BRICKS.

 

Questa attività è in corso e i primi vantaggi della collaborazione sono già evidenti nella maggiore specificazione della schedatura regionale relativa alle figure professionali su cui si sta lavorando.

La schedatura approntata nell’ambito del Progetto è in generale molto più esaustiva di quella in possesso delle regioni e questo tipo di collaborazione è molto utile sia al Progetto che alle pubbliche istituzioni in funzione di aumentare la possibilità di certificazione di lavoratori che già posseggono le capacità e le conoscenze, ma che in alcuni casi non le ritrovano nei processi di certificazione da parte di Enti pubblici, oggi disponibili.

 

Altra innovativa azione portata avanti nell’ambito di BRICKS, sempre in stretta collaborazione con la RER è la creazione di una nuova figura professionale, quella del Tecnico dei Sistemi di Monitoraggio Energeticoche è sta aggiunta alle figure esistenti ed è stata composta con tutti i contenuti previsti dalla schedatura regionale, e anche nella forma e coi contenuti aggiuntivi previsti dallo standard della schedatura BRICKS.

 

Questa operazione di vero e proprio travaso di informazioni ed esperienze tra la pratica regionale e l’attività di studio del Progetto, sta apportando vantaggi ad entrambe le parti e rinsaldando la collaborazione tra Progetto ed Ente Pubblico che è una delle finalità di BRICKS.

Attualmente Il lavoro di schedatura è vicino al termine.

Inoltre la nuova figura professionale, specializzata nel monitoraggio dei risultati delle attività di efficientamento energetico, per la sua caratteristica di operare sia a valle del percorso di Auditing energetico, che precede la fase di progettazione dell’intervento di efficientamento, sia a valle dell’intervento per  misurarne i risultati, riveste un notevole interesse per gli operatori del settore energia che hanno necessità di uniformarsi alle più recenti tecnologie ed esigenze della clientela.

 

 

Regione Puglia: un approccio multisettoriale

I contatti con Regione Puglia hanno visto il coinvolgimento della sezione Formazione Professionale e della sezione Energie rinnovabili, reti ed efficienza energetica ed in particolare del servizio Energie Rinnovabili e Reti mentre è previsto a breve un incontro con il servizio Programmazione, politiche energetiche, VIA e VAS della Sezione Ecologia. Ciò nella convinzione, condivisa con gli altri partner del progetto BRICKS e con il capofila ENEA, che è opportuno un coinvolgimento il più possibile multidisciplinare e pertanto multisettoriale a livello regionale per ottenere la massima contaminazione e la massima efficacia del progetto stesso.

Per quanto attiene la Formazione Professionale, il contesto è costituito:

ü  dal Sistema Regionale di Competenze che ha avuto origine dal "Protocollo d'Intesa tra Regione Puglia e Regione Toscana per la collaborazione in materia di standard per il riconoscimento e la certificazione delle competenze" che la Regione Puglia ha adottato a fine 2011. Tra gli importanti risultati raggiunti vi è stato l'istituzione del Repertorio Regionale delle Figure Professionali con delibera di Giunta Regionale n. 327 del 7 marzo 2013 a seguito della quale è stato avviato il lavoro di "adattamento" del Repertorio al contesto regionale, attraverso la modifica di alcune figure esistenti e la creazione di nuove figure. Tale lavoro di adattamento, che è tuttora in corso, ha previsto e prevederà il coinvolgimento attivo dei diversi settori regionali competenti, delle Province, dell'Ufficio scolastico regionale, delle Università, delle parti sociali e datoriali del territorio e della Consgliera di parità, e ha portato alla adozione del Repertorio delle Figure Professionali della Puglia, con atto del Dirigente del Servizio Formazione Professionale, n. 1277 del 02/12/2013;

 

ü  dall'Accreditamento degli Organismi Formativi approvato con Deliberazione di Giunta n. 195 del 31/01/2012, e successive modifiche e integrazioni, attraverso il quale vengono individuati i soggetti ai quali è riconosciuta la possibilità di proporre e realizzare interventi di formazione finanziati con risorse pubbliche.

In merito ai servizi Energie Rinnovabili e Programmazione e politiche energetiche è di evidente interesse il fatto che, in campo energetico, tutti gli operatori del settore (sia per l’attività di installazione che di semplice manutenzione degli impianti) devono essere abilitati ai sensi del D.M. 37/08; che gli stessi hanno obblighi di formazione e di aggiornamento a cadenza triennale, come previsto dallo stesso D.L.gs 28/11, per quanto riguarda  gli installatori di impianti a fonte energetica rinnovabile (FER) e che gli stessi percorsi formativi sono offerti dai soggetti accreditati dal sistema regionale.

Gli incontri ad oggi effettuati hanno evidenziato il forte interesse della Regione Puglia a supportare le iniziative di BRICKS sia in ottica di modifica/integrazione delle figure professionali attualmente presenti nel Repertorio Regionale sia nell'ambito degli interventi previsti nella programmazione del periodo 2014-2020, precisando a quest'ultimo proposito che la progettazione, promozione e realizzazione dei corsi di formazione non compete direttamente la Regione Puglia ma agli Organismi regionali accreditati. Attualmente si sta procedendo nella fase operativa di intervento sul Repertorio Regionale al termine della quale la Regione Puglia intende promuovere un tavolo di confronto sulle nuove figure professionali invitando sia le aziende sia gli altri servizi della Regione Puglia.

 

 

Il Progetto Build Upon - co creating european renovation strategies

 

Build Upon è un progetto finanziato all’interno del programma quadro di ricerca e innovazione dell’Unione Europea Horizon 2020, nell’ambito dell’Azione EE9 della categoria Coordination and Support Action.

Scopo del progetto è supportare gli Stati Membri nella progettazione e implementazione di solide e durevoli strategie nazionali per il rinnovamento energetico profondo degli edifici esistenti.

Insieme a GBC Italia sono beneficiari del progetto i Green Building Council di altri 12 paesi: Spagna, Repubblica Ceca, Irlanda, Svezia, Bulgaria, Croazia, Finlandia, Latvia, Regno Unito, Romania, Slovacchia, Slovenia e Turchia, che mettono a sistema le proprie competenze per raggiungere gli obiettivi regionali e nazionali individuati dal progetto.

La Direttiva Europea sull’Efficienza Energetica 2012/27/EU ha posto le condizioni per raggiungere l’obiettivo comunitario della riduzione del 20% dei consumi di energia primaria al 2020. L’articolo 4 della direttiva ha sancito la necessità di formulare una strategia a lungo termine (oltre l’anno 2020) per mobilizzare gli investimenti necessari alla riqualificazione degli edifici esistenti.

In questo senso, il progetto Build Upon intende costruire una comunità collaborativa in grado dare un contributo significativo per definire e implementare le strategie nazionali di riqualificazione energetica profonda del costruito realmente impattanti.

Il progetto intende influenzare efficacemente le politiche nazionali degli Stati Membri coinvolti su diversi livelli:

ü  orientare le politiche e le strategie nazionali affinché includano il tema dell’energia sostenibile a diversi livelli, guidando l’operato dei governi locali, ragionali e nazionali

ü  creare un nuovo mercato per la riqualificazione energetica profonda del costruito che necessiti di soggetti caratterizzati da elevate competenze e capacità per raggiungere livelli fortemente qualitativi di rinnovamento del costruito esistente

ü  incrementare sensibilmente, attraverso le misure avviate dal progetto, l’attuale tasso di rinnovamento del patrimonio edilizio esistente. L’obiettivo è di stimolare un aumento di almeno il 3% rispetto all’attuale numero di interventi di riqualificazione del costruito nei prossimi 3 anni.

 

Questo risultato, molto importante per il settore della riqualificazione italiano e Europeo, può essere raggiunto efficacemente solo attraverso un processo partecipativo che faciliti lo scambio di punti di vista, idee, proposte tra i diversi attori di una comunità interessata al cambiamento e l’elaborazione partecipata delle misure volte a superare le barriere che ostacolano la diffusione della deep renovation.

 

Lo scorso 6 maggio a Roma, presso IFAD, GBC Italia ha lanciato il percorso nazionale di dialogo in cui hanno preso parte oltre a ENEA, che con Anna Moreno prende parte all’advisory board internazionale del progetto, i ministeri MISE, MATTM e MIT, ANCE, ANCI, FEDERCASA, Legambiente, CRESME, Renovate Italy e numerosi rappresentanti di istituzioni, università e organizzazioni di vari settori impegnate nel tema della riqualificazione profonda del costruito.

 

Il processo decisionale messo in atto dal progetto Build Upon mira al livello più alto di coinvolgimento pubblico in cui i rappresentanti di diversi settori professionali, industriali, finanziari, amministrativi, diventano veri e propri partner delle iniziative e lavorano insieme per il raggiungimento di una soluzione congiunta che superi le lobby di categoria e porti vantaggio e beneficio all’intera comunità.

Tale processo vuole creare un precedente, una best practice, ripetibile in occasione di future politiche nazionali per fare sì che il coinvolgimento collaborativo multi settoriale diventi con il tempo un approccio consolidato per le questioni di rilevanza comune.

Il primo workshop italiano, tenutosi a Torino presso il grattacielo Intesa San Paolo, è stato incentrato sulla definizione degli elementi essenziali per l’attivazione di una campagna nazionale di informazione e consapevolezza dei benefici di varia natura legati alla riqualificazione profonda.

ll prossimo incontro, che si terrà a Firenze, tratterà il tema della creazione di Abilità e Competenze del lato dell’offerta di deep energy renovation. Le barriere relative alla qualificazione delle imprese e delle maestranze e alle lacune dei percorsi formativi per gli attuali e futuri professionisti del settore delle costruzioni, saranno affrontate attraverso un workshop a inviti dove si esploreranno soluzioni innovative per migliorare e certificare le competenze tecniche per garantire la qualità dei risultati nell’ambito della riqualificazione energetica del costruito. I partner del progetto BRICKS sono tutti invitati a partecipare attivamente per la riuscita del workshop.

Maggiori informazioni sul progetto sul percorso di dialogo nazionali sono in continuo aggiornamento sul sito internet dell’iniziativa.

 



  • facebook
  • twitter
  • linkedin