www.bricks.enea.it - bricks.project@enea.it
DOVE SEI: Home ╗ News ╗ Trends: Aggiornamento dai gruppi di lavoro
Trends: Aggiornamento dai gruppi di lavoro

15/07/2016 | bricks


Il secondo numero del 2016 che chiude il primo semestre, riporta aggiornamenti su tutte le attività ad eccezione della comunicazione che prosegue l’ordinaria attività di aggiornamento del sito web, animazione dei social networks e di redazione di questo notiziario.

 

2.Main stakeholders endorsement

Per questa azione si è proseguito con incontri con gli assessorati alla formazione, all’energia e anche alle politiche abitative delle diverse regioni.

Inoltre Procede la stesura del Position Paper del Progetto, i cui contenuti sono aggiornati costantemente in funzione delle attività svolte da tutti partner con Regioni e Ministeri e, in genere con tutti i partner associati. Nell’ultima fase del Progetto si procederà, mediante un lavoro di sintesi delle attività svolte, a indicare le linee guida e le buone pratiche mediante le quali si implementerà quanto prodotto da BRICKS.

 

3.Identification of Qualification schema based on the national and regional qualification framework

Con la penultima riunione interna, tenutasi a maggio, si è concluso l'iter di stesura di tutti gli Schemi di Qualificazione / Certificazione previsti dal Progetto BRICKS più altri non previsti ma richiesti dalle regioni durante il processo di dialogo tra i partner e le regioni.

 

Sono pertanto disponibili, sul sito istituzionale del Progetto (www.bricks.enea.it) i seguenti schemi:

  • Schema di Qualificazione SQ001 - Formatore di Cantiere;
  • Schema di Qualificazione SQ002 - Installatore del Cappotto Termico;
  • Schema di Certificazione SC003 - Auditor Energetico;
  • Schema di Qualificazione SQ004 - Formatore d'Aula in Ambito Energetico;
  • Schema di Certificazione SC005 - Installatore di Impianti Geotermici a Pompa di Calore a Bassa Entalpia - FER;
  • Schema di Qualificazione SQ006 - Tecnico dei Sistemi di Building Automation;
  • Schema di Certificazione SC007 - Installatore Gestore e Manutentore Impianti Alimentati da FER - Solare Termico;
  • Schema di Certificazione SC010 - Installatore Gestore e Manutentore Impianti Alimentati da FER - Fotovoltaico;
  • Schema di Certificazione SC008 - Installatore Gestore e Manutentore Impianti Alimentati da FER - Biomasse;
  • Schema di Qualificazione SQ009 - Installatore e Manutentore Camini e Canne Fumarie.

Entro luglio 2016, saranno altresì disponibili, sempre allo stesso indirizzo, tutti e 10 gli "Assessment" afferenti i sopra indicati schemi al fine di permettere una autovalutazione per coloro che operano già nei settori specifici ma anche per coloro che decideranno di intraprendere un percorso formativo.

I lavori stanno proseguendo per la redazione del “Learning Outcome qualification Procedures’ Handbook” che conterrà tutte le procedure relative agli schemi di Qualificazione dei Lavoratori e che sarà completato per l’inizio del 2017.

Inoltre si continuano a raccogliere buone pratiche europee che sono regolarmente inserite nel sito web del progetto.

 

4. Pilot studies

Il gruppo di lavoro ha concluso la fase operativa riguardante i Learning Content.

Si è trattato di un lavoro complesso perché  si è scesi in estremo dettaglio ma ritenuto utile per facilitare la sperimentazione della fase pilota.

In pratica, come allegati al documento base, per ogni profilo interessato dalla sperimentazione si sono creati due documenti: il primo richiama, sulla base degli assessment criteria, le competenze di riferimento del profilo prescelto, la matrice conoscenze-abilità connessa e una descrizione del significato dei learning outcome e dei learning content contenuti nella matrice associata.

Il secondo è costituito proprio dalla matrice associata nella quale sono richiamate nuovamente conoscenze e abilità, sono esplicitati i learning content e learning outcome per ciascuna voce e il riferimento al materiale didattico presente sulla piattaforma dei corsi e-learning, Enea-BRICKS, oltre a dei suggerimenti per la consultazione di siti in rete selezionati. 

Tutto ciò si è potuto realizzare attendendo che fossero definiti e realizzati i corsi online in modo da fornire agli addetti coinvolti nella sperimentazione, una documentazione completa e, il più possibile esaustiva.

Da questa attività è derivato un aggiornamento della documentazione di base da utilizzare nella fase pilota che ha permesso di produrre documenti pre-compilati onde facilitare il lavoro degli addetti.

Ora gli schemi per il Bilancio delle Competenze, le Check List di avanzamento contengono già gli elementi da valutare/utilizzare nella fase di stesura del Piano Formativo Individuale e nello svolgimento del programma.

Tutta la documentazione prodotta: Schemi di Qualifica e/o di Certificazione, Learning outcome e schemi utilizzati nella fase pilota impiegano tutti gli stessi riferimenti e ne rendono quindi agevole la consultazione e l'utilizzo congiunto da parte di tutti i soggetti che svolgono formazione in questi ambiti e messi gratuitamente a disposizione da BRICKS.

In figura è rappresentato il complesso sistema messo a punto da BRICKS che ci auguriamo sia adottato da quanti più soggetti pubblici e privati possibili per elevare ed uniformare il livello di competenza delle maestranze che lavorano per migliorare la performance energetica degli edifici.

 

Schema del percorso formazione e qualificazione dei profili BRICKS

 

 

 

 

5. E-learning materials development

Sono stati messi a punto e pubblicati su piattaforma BRICKS, due corsi e-learning al fine di dare la possibilità alle figure professionali promosse dal Progetto di acquisire conoscenze di base e trasversali, previste negli schemi di qualificazione. Tali corsi riguardano qualsiasi figura professionale ma sono ritenuti propedeutici per i corsi dell’azione pilota e che riguardano le figure d’installatore di impianti di isolamento termico a cappotto, installatore di impianti geotermici a pompa di calore e installatore di impianti di building automation e formatore di cantiere.

 

I corsi e-learning di base trasversali sono:

  • Efficienza energetica dell’involucro edilizio
  • Impiantistica efficiente al servizio degli edifici

 

I due corsi e-learning si pongono quindi l’obiettivo di fornire una panoramica completa delle tecnologie impiantistiche e costruttive più innovative disponibili sul mercato, permettendo dunque di comprendere e valutare le ripercussioni che il singolo intervento può avere sul sistema fabbricato-impianto. Ciò è importante per valutare gli obiettivi di efficienza energetica che si vogliono perseguire nel rispetto delle condizioni di confort abitativo.

Tra gli argomenti trattati nel corso  “Efficienza energetica dell’involucro edilizio” ampio spazio è stato dato all'analisi dei processi costruttivi dell'involucro edilizio ed ai relativi materiali utilizzati, nonché ai principali tipi di isolamento termico dell'involucro, alle diverse tecnologie per risolvere i problemi di isolamento e tenuta dei serramenti e le problematiche dovute alla presenza dei ponti termici, alle cause principali di formazione di umidità e muffe ed i rimedi che possono essere utilizzati per impedirne la formazione.

Nel corso “Impiantistica efficiente al servizio degli edifici” vengono analizzati i parametri che regolano il confort abitativo e le varie opzioni possibili per la fornitura energetica degli edifici, le principali tipologie impiantistiche per la climatizzazione e per il ricambio dell'aria dell'edificio, le tecnologie a fonti rinnovabili sia per la produzione di calore ed acqua calda sanitaria, sia per la generazione di energia elettrica in ambito domestico (solare.termico e solare fotovoltaico) per concludere con una breve disamina degli impianti domotici per la building automation.

 

 

6.  Standards development and quality label

                         

I partner di BRICKS hanno maturato l’idea di procedere secondo sue line principali:

  • aggiornamento del repertorio delle qualifiche regionali con i contenuti delle schede di qualifica e certificazione prodotte dai partner
  • sistema di certificazione di parte terza che prevede che il professionista interessato, dopo aver superato un corso di qualifica, sia certificato da un soggetto terzo che verifica la rispondenza dei requisiti definiti da un’apposita norma che i partner hanno provveduto a definire con il CTI.

 

Per quanto riguarda il deposito del marchio si è deciso di depositare il marchio europeo “BRICKS” che vada poi a declinarsi nelle diverse specificità che l’impresa possiede. Un’impresa può cioè chiedere di essere certificata per il fotovoltaico piuttosto che per la pompa di calore o per la domotica o cappotto termico a seconda se nella sua azienda ci sia almeno un lavoratore in possesso di certificazione di parte terza per le suddette tecnologie e si faccia garante per tutti i lavori che la propria ditta farà in quello specifico ambito.

La proposta prevede il deposito del marchio BRICKS “ombrello” principale, da assegnare alle aziende che ne hanno le caratteristiche, seguito da un marchio di secondo livello riferito alla professionalità certificata.

Il marchio sarà depositato in via esclusiva da DINTEC scrl, che è una società consortile tra il Sistema Camerale (UNIONCAMERE Unione Italiana delle Camere di Commercio, 48 Camere di Commercio, 8 Unioni Regionali delle Camere di Commercio) ed ENEA.

 

 

8. Mutual recognition and endorsement campaign

 

Le attività che erano state previste da progetto e che riguardavano il mutuo riconoscimento delle diverse qualifiche regionali, trovano “la soluzione” in quanto il Ministero del lavoro sta facendo per la realizzazione del repertorio nazionale.

 

Lo schema che è stato presentato più volte dal Ministero del lavoro ed ISFOL, che qui viene riportato, in estrema sintesi parte dai settori ATECO che prevedono più processi ed ogni processo prevede più aree ed attività. Ciò che è stato chiesto alle Regioni è di individuare, all’interno dei propri repertori, qual è la figura professionale che svolge quella determinata azione con le dovute conoscenze, abilità e competenze. Quindi indipendentemente da come le Regioni chiamano  questi professionisti, attraverso questo sistema ci può essere un mutuo riconoscimento.  se, ad esempio, il muratore di una Regione e l‘operaio edile di un’altra, hanno le stesse competenze capacità e conoscenze e sono in grado di svolgere la stessa attività, possono essere considerati equivalenti. Ecco perché i partner di BRICKS ritengono essenziale di inserire le  nuove figure professionali nei repertori regionali perché in tal modo, essendo basate sulle stesse schede BRICKS sono automaticamente equivalenti e quindi mutuamente riconosciute da tutte le regioni.

 

 

 

9, EU Exchange Activities and monitoring

 

L’ottavo meeting europeo dell’iniziativa BUILD UP SKILLS si è svolta ad inizio Giugno 2016 a Budapest (Ungheria).

 

L'evento ha visto la presenza di:

  • 25 Coordinatori di Progetti BUS (Build Up Skills);
  • 32 Partner di Progetti BUS;
  • 3 Coordinatori e Partner  di Progetti H2020 (Horizon 2020) - Contruction Skills, Finanziati sulla prima Call 2015;

 

La prima Giornata

Rappresentanti della Commissione e del paese ospitante hanno  aperto la Riunione Plenaria con la presentazione delle attività e degli obiettivi da conseguire durante i due giorni.

I lavori sono quindi proseguiti, suddividendo i partecipanti in quattro Gruppi di Lavoro Tecnici (TWG), già precedentemente individuati, rispettivamente:

  • TWG1: Finanza (Sostenibilità);
  • TWG2: Mutuo Riconoscimento;
  • TWG3: Innovazione Formativa;
  • TWG4: Accettabilità del Mercato.

Tali Gruppi hanno operato in sessioni parallele, confrontandosi e condividendo le esperienze maturate sui diversi progetti BUS ed H2020 -Contruction Skills (Logica prosecuzione dei progetti BUS finanziati sul programma IEE, non più operativo).

Nel pomeriggio, i lavori sono proseguiti, sempre in sessioni parallele, in riunioni finalizzate allo scambio di idee sulla presentazione di nuovi progetti a valere sulle prossime Call H2020 - Costruction Skills.

 

La seconda giornata 

ha visto proseguire i lavori dei Gruppi di Lavoro Tecnici (TWG) oltre ad iniziative sinergiche di Networking, finalizzate alla comprensione delle attività svolte dai diversi Partenariati BUS (Poster Session), confronto dei diversi profili professionali (Settore Costruzioni) censiti dai diversi progetto Europei BUS (Cross Craft Understanding).

Nel pomeriggio i TWG, hanno presentato, tramite i loro Coordinatori, i relativi risultati (Buone Pratiche, Esempi di Successo ed Eccellenze).

Per quanto riguarda il gruppo di lavoro sul mutuo riconoscimento, cui ha partecipato il nostro lead partner, è stato discusso ampiamente il problema della mobilità dei lavoratori tra i diversi paesi Europei che molto spesso hanno differenze di natura non sola tecnica ma anche linguistica e culturale. Sicuramente l’approccio migliore è stato giudicato quello della definizione dei “learning outcomes” cioè cosa il lavoratore è in grado di comprendere e si realizzare. La presentazione di quanto avviene in Italia per il mutuo riconoscimento da parte delle Regioni ha riscosso molto interesse come possibile soluzione anche per il mutuo riconoscimento delle professionalità anche in Europa.

Il prossimo appuntamento, 9^ EU Exchange Meeting è già fissato: 5 e 6 Dicembre 2016 a Sofia (Bulgaria).

Le due giornate sono state ricche di nuovi contatti, utili per comprendere la dimensione Europea del Progetto BRICKS, portando le esperienze maturate sul ns. Territorio Nazionale e per apprendere quelle generate nel resto dei paesi membri, oltre un'ottima fucina per creare nuove idee da consolidare in futuri progetti comuni.

 



  • facebook
  • twitter
  • linkedin